Qualche consiglio per realizzare una locandina teatrale

Qualche consiglio per realizzare una locandina teatrale

Se hai uno spettacolo che va in scena tra poche settimane, non puoi permetterti un grafico professionista (che rimane comunque la scelta migliore) e stai cercando dei consigli per creare un manifesto o una locandina accattivante, possibilmente senza perdere troppo tempo, sei nel posto giusto! Dedicami qualche minuto e cercherò di darti qualche indicazione su come affrontare la realizzazione di una locandina teatrale (ma anche genericamente, per un evento o un concerto).

Di cosa hai bisogno per creare una locandina?

Prima di cominciare, accertati quindi di avere sotto mano:

  • il Titolo corretto dell’evento/spettacolo,
  • il Nome della compagnia (e il Logo), o dell’artista che si esibisce.
  • il Nome del teatro o del luogo dell’evento.
  • le Date e gli Orari corretti e definitivi.
  • i Contatti (indirizzo, telefono, e-mail, siti web…) per chi vuole maggiori informazioni.

Crea un file con tutte queste informazioni e tienilo da parte. La cosa più importante comunque è avere un’idea! Diventa tutto inutile se non hai un’idea. Una locandina deve rappresentare l’essenza dello spettacolo. Mettere una foto qualsiasi, o la foto del cast, o semplicemente il titolo a caratteri cubitali, solo perché non ti viene in mente niente di meglio…non è proprio l’ideale. Forse può anche bastare…ma il mio consiglio è che sicuramente si può fare di meglio! Perciò se non ti viene in mente nulla, copia spudoratamente da altri! Ma ecco i miei consigli!!

  1. Scegli bene i colori.
  2. Usa pochi colori. Due o tre al massimo, inclusi il bianco e/o il nero.
  3. Abbinamenti giusti. Qui bisognerebbe conoscere un po’ di teoria del colore, ma voglio essere più semplice  pratico possibile. Il mio consiglio è quello di usare questo strumento online che ti suggerisce gli abbinamenti migliori.
  4. Significato del colore. Ogni colore comunica delle determinate sensazioni. Scegliere i colori conoscendo il loro significato ti permette di potenziare il tuo messaggio.
  5. Leggibilità. Ogni colore ha diversi gradi di luminosità. Un giallo, ad esempio, può essere molto molto chiaro o molto molto scuro. Se un testo nero su sfondo giallo normalmente è ben leggibile, non lo è se usi un giallo molto scuro. Bianco e rosso stanno bene insieme, ma se usi un testo bianco su uno sfondo rosa chiaro allora diventa illeggibile. Per non scendere nei dettagli tecnici, ti consiglio di usare semplicemente il buon senso.
  6. Scegli solo 2 font. Uno principale, per il titolo e le parole da mettere in evidenza, e uno per i testi minori.
  7. Crea una gerarchia. Oltre alla scelta del font, puoi intervenire anche sulla dimensione e sul peso di un testo. Combina questi parametri per mettere bene in chiaro quali sono i testi più importanti e quali meno importanti.
  8. Attenzione alla licenza. Non tutti i font possono essere usati liberamente, soprattutto se a scopo commerciale! Cerca sempre di accertarti che il font che utilizzi sia denominato “Free” o “Open Source“.
  9. Non riempire tutto lo spazio;
  10. Crea una gerarchia visiva;
  11. Togli il superfluo.
  12. Cura la scelta delle immagini. Quando puoi, scegli un volto umano. Meglio se con lo sguardo rivolto dritto verso chi sta guardando la locandina.
  13. Evita le foto “di repertorio”. Non cercare immagini su google, scatta delle foto o realizza un disegno del soggetto dell’immagine che vuoi. Se non sei in grado, cerca qualcuno che possa aiutarti.
  14. Colpisci l’attenzione. La tua locandina ha una frazione di secondo per catturare l’interesse delle persone. Un’immagine che colpisce è importantissima per sfruttare al massimo questo tempo brevissimo.
  15. Attenzione al copyright.
  16. Per stampare la tua locandina rivolgiti alla tua tipografia di fiducia, oppure ad un servizio di stampa on-line. il mio consiglio è di sceglierne uno molto affidabile; io uso spesso Stampaprint.

Andrea Virgili

Mi chiamo Andrea Virgili e sono un "amante del mondo musical". Nella vita faccio lo scenografo e lavoro con una compagnia amatoriale toscana. Mettiamo in scena commedie musicali e musical. Per me la musica non è solo lavoro ma una vera e propria passione, una ragione di vita.